Iscriviti al Lab

Laboratorio Impro Bambini

Improvvisazione Teatrale

Laboratorio per bambini (6-11 anni)

I bambini sono i maestri assoluti del gioco e l’improvvisazione teatrale è l’arte di giocare! Quando siamo in gioco tutto diventa possibile: possiamo creare nuovi universi con nuove regole, nuovi modi di interagire con gli altri e nuove regole con cui il gruppo può raggiungere, insieme, un obiettivo.

Giocare significa entrare in contatto diretto con i compagni di gioco e con la materia in modo approfondito, divertente e straordinariamente efficace.

  • gioco;
  • libera espressione di sé;
  • spontaneità;
  • accettazione dell’errore e sospensione del giudizio;
  • libera espressione creativa;
  • valore del lavoro di gruppo e sostegno

Attraverso il gioco, l’improvvisazione teatrale guida il singolo e il gruppo verso lavori anche complessi ed evoluti, incoraggia l’autonomia, la gestione degli imprevisti e il “problem solving“, valorizza competenze e talenti, sviluppa la relazione, insegna a gestire la frustrazione, la gestione delle emozioni e la consapevolezza, sviluppa l’empatia, l’ascolto e la sensibilità promuovendo, al contempo, la cultura dell’accoglienza.

ImproKids abbraccia questa forma d’arte teatrale come strumento potentissimo ed efficace nel favorire il processo di percezione di sé e del mondo esterno e la crescita e lo sviluppo armonioso di bambini, adolescenti e giovani.

Struttura:

Lab annuale, frequenza un sabato al mese. Fino a tutto dicembre si svolgeranno lezioni di avvicinamento ogni sabato mattina.

Requisiti:

Il lab si rivolge a bambine e bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni.

Novembre e Dicembre:

  • Ogni Sabato Ore 11.00 – 12.00 in via dei Furi, 25-27 presso la sede di Manallarte;
  • Laboratorio riservato agli associati;
  • Costo: 10€ a bambino a lezione + tessera associativa 1€ valida un anno.

Promo:

  • Temporaneamente sono sospese le iscrizioni annuali o mensili. Si può partecipare alla singola lezione;
  • Per chi si iscrive in questo periodo ci sarà uno sconto sulle quote di iscrizione a partire da Gennaio.

A partire da Gennaio:

il Sabato, ore 10.00 – 13.00, una volta al mese, in via dei Furi, 25-27 presso la sede di Manallarte.

Logo Rubikondo

Iscriviti al Lab

In collaborazione con Rubik Teatro, Genova.

Manallarte è orgogliosa di poter presentare il primo laboratorio annuale di improvvisazione teatrale per bambini dai 6 ai 10 anni. Un laboratorio che si avvale, in esclusiva, del metodo “Rubikondo”, fondato dall’associazione Rubik Teatro e da Gabriele Civardi e Giulia Amarilli.

Saranno proprio loro, infatti, insieme ad Elisabetta Civardi che curerà gli aspetti pedagogici, gli insegnanti di questo percorso che porterà i nostri bambini a scoprire il magico mondo dell’Improvvisazione Teatrale.

A conclusione del corso verrà messo in scena uno spettacolo di improvvisazione teatrale realizzato dai bambini.

Obiettivo finale del laboratorio è la partecipazione della classe, al festival di improvvisazione “Pandora Camp”, l’unico festival italiano di improvvisazione dedicato ai più piccoli.

 

Il metodo

Obiettivo primario del metodo Rubikondo, che Manallarte porta su Roma, è lo sviluppo delle capacità espressive e aggregative dei bambini tramite l’utilizzo del gioco e di tecniche teatrali.

In particolare attraverso il costante utilizzo del gioco e di esercizi di improvvisazione che aiutano il confronto coi processi emozionali, con la propria espressività corporea e verbale, contribuendo a far emergere la creatività e il potenziale personale.

Il laboratorio è rivolto principalmente ai bambini di età compresa tra i 6 ed i 10 anni che, grazie all’improvvisazione teatrale, si divertiranno ad accrescere le propri capacità espressive e narrative, attraverso una serie di giochi mirati a sviluppare l’espressione corporea, la comunicazione verbale e non verbale, l’ascolto e l’attenzione e la ricerca mimico-vocale.

Benefici

Molte/i bambine/i e ragazze/i hanno problemi a socializzare e a fare gruppo, a lavorare insieme ad altre persone come loro, a rispettare se stesse/i o a seguire delle regole per raggiungere obiettivi comuni: questi sono i primi aspetti che vengono affrontati, ancor prima di trattare gli aspetti attoriali più tecnici. La natura stessa dell’improvvisazione teatrale rende questa disciplina uno strumento potentissimo, dove le persone che ne fanno parte devono interagire, collaborare, tirare fuori le proprie abilità, essere a servizio della scena e delle persone che improvvisano con te. Con fantasia, dinamicità, coraggio e senso per l’ironia fino a sviluppare altruismo, impegno, spontaneità e rispetto. E fiducia in se stesse/i e in chi ti circonda.

stop covid19 outbreak logo 81863 2706

Misure per il contenimento del Covid-19.

Tutti i nostri corsi vengono svolti in totale sicurezza e nel rispetto delle normative attuali Anticovid. Inoltre ci impegniamo a seguire l'evoluzione della pandemia e garantire sempre l'aderenza a norme e protocolli futuri. In particolare le nostre lezioni seguono il seguente protocollo: Sanificazione degli spazi e degli oggetti ad ogni lezione, distanziamento, utilizzo della mascherina (ove non diversamente previsto), registrazione e accesso contingentato, misurazione della temperatura. Inoltre alla sala non si potrà accedere con scarpe e con abbigliamento proveniente dall'esterno, si richiede di portare calzini anti-scivolo e cambio pulito da indossare prima delle attività.

Prenota

SEDE QUADRARO

Via dei Furi, 25-27

La nostra nuova sede è a 2 minuti dalla metro Porta Furba con una sala appena ristrutturata, bella e confortevole, adatta anche a spettacoli, eventi e serate insieme.

RUBIKONDO

Cos’è il Metodo RUBIKONDO
Questo metodo d’insegnamento è un percorso alla base del quale c’è il desiderio di fornire a bambine/i e ragazze/i degli “strumenti di vita”, ovvero lo sviluppo di capacità che possano essere utilizzate nella vita di tutti i giorni, per affrontarne le difficoltà e apprezzarne i momenti felici con un approccio sereno e, soprattutto, consapevole. Questi strumenti vengono trasmessi o spesso risvegliati (spesso si tratta soltanto di far emergere le proprie capacità) tramite giochi e attività d’improvvisazione teatrale: creare nuovi mondi, nuovi personaggi, nuove storie con un gruppo di amiche e amici; portare tutto questo in scena e renderlo reale.
Alla base di questo metodo ci sono competenze sia pedagogiche (tutte/i le/i docenti hanno esperienze pregresse di lavoro con bambine/i e ragazze/i:) che di formazione in ambito teatrale, sia improvvisativo che classico.

Da dove nasce
RUBIKONDO nasce nel 2007, dal desiderio di due docenti di RUBIK TEATRO, Gabriele Civardi e Giulia Amarilli, di trasmettere gli “strumenti” propri dell’improvvisazione teatrale (socializzazione, aggregazione, sviluppo della creatività e spontaneità, etc.) anche a bambine/i e ragazze/i, con la consapevolezza che chi non è adulta/o abbia un potenziale creativo enorme rispetto a molte persone adulte. La nascita di RUBIKONDO si perde ormai nella leggenda e ci sono arrivate poche testimonianze piuttosto confuse: “L’idea nacque quando una sera, parlando con un altro attore d’improvvisazione, venni a sapere che in Canada l’improvvisazione teatrale era materia scolastica. E se lo facessimo anche noi?“; dopo queste parole, Gabriele Civardi fu visto camminare per le strade di Genova, scalzo e con una tunica bianca. E ancora oggi porta nei sui occhi la luce della conoscenza.

Cosa rende il Metodo RUBIKONDO unico nel panorama italiano
Possiamo dire che il Metodo RUBIKONDO è unico nel panorama italiano improvvisativo per diverse ragioni. RUBIKONDO è scuola in Italia con maggiore esperienza e struttura: non si tratta di stage o corsi brevi all’interno di altri percorsi didattici precostituiti (per esempio nella programmazione di istituti scolastici). La Scuola ha un calendario di lezioni che vanno da ottobre a maggio e ogni corso si pone degli obiettivi da perseguire durante l’anno, scelti in base al livello di esperienza e all’età.
RUBIKONDO non si limita al percorso improvvisativo, ma ha al suo interno anche un percorso su testo, proprio perché il lavoro dell’attrice e dell’attore non esula dalla conoscenza e dall’analisi che soltanto il teatro scritto può restituire.

Le altre proposte